Sounds Spirit Festival, scelti i finalisti

0
37
Sounds Spirit Festival Finalisti Uts

Sounds Spirit Festival: 8 i finalisti

Mare, colori, speranza. Libertà, amore, sogni. Diversità e armonia. Dio. Rime baciate e alternate, assonanze che si amalgamano ai suoni della chitarra, della tastiera e del violino. Sono le canzoni degli 8 finalisti della prima edizione Sounds Spirit Festival, manifestazione di musica cristiana organizzata dall’Ufficio per la pastorale del tempo libero, del turismo e dello sport della Diocesi di Roma insieme a Radiopiù Roma:

  • La tua ombra Alessandro di Carlo
  • Cuore aperto – Coro Beba Yetu
  • Tu sai già volare – Daniele Gatti
  • Sogna – Gualtiero Montesi & Peter
  • Armonia nella diversità – La voce e le note
  • Naufrago – Marco Iachini
  • I believe in you – Roberto Martucci
  • Dolce mio Aylan – Santina Bellia 

Sono state selezionate (e accederanno direttamente alla finale) esclusivamente sulla base del materiale pervenuto in redazione, (non più, quindi, con l’esibizione di semifinale, come inizialmente previsto) per abbreviare i tempi.

La giuria è composta da padre Raffaele Giacopuzzi, viceparroco, cantante, fondatore del Good News Festival, Aldo Fedele, pianista-tastierista, produttore, arrangiatore, (che nel corso di 30 anni ha lavorato con tantissimi artisti dagli Stadio a Edoardo Bennato, da Gianni Morandi a Roberto Vecchioni, da

Michele Zarrillo a Ron) e Paolo Audino, paroliere e compositore (suoi alcuni successi di Amedeo Minghi, Mina e Celentano).

Gli 8 finalisti si esibiranno, dunque, sabato 27 aprile alla Terrazza del Pincio (Villa Borghese), l’orario sarà comunicato nelle prossime settimane. L’evento, accessibile gratuitamente, a tutti, sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook di Radiopiù.

I cantanti in gara

Diversi i loro percorsi formativi e il loro modo di raccontare, in musica, l’armonia nella diversità (questo il tema della prima edizione del Festival che prende spunto da Ebony and Ivory, il famoso brano interpretato da Paul McCartney e Stevie Wonder nel 1982). Conosciamo meglio gli 8 cantanti in gara:

Alessandro Di Carlo. Ha partecipato a diversi festival, tra cui “Fare musica in Sicilia” dal 1990 al 1993. Nel 1996 ha inciso l’album “Nella mia semplicità”. Nel 2015 arriva in semifinale al Good News Festival. Nel 2016 è primo classificato al XV “Premio Salentino”. Nel 2017 è secondo classificato, per la categoria cantautori, al concorso “Musica è”.

Coro Baba Yetu

Coro Baba Yetu. Nato a Ostia nel 2011 è costituito da una ventina di ragazzi, tra cantori e musicisti. A contraddistinguerli vivacità e flessibilità nell’affrontare un repertorio di diversi generi. Il coro, che porta il nome del brano che ha segnato il suo esordio (in lingua Swahili vuol dire “Padre Nostro”), fa parte dell’Associazione Regionale dei Cori del Lazio (A.R.C.L.) ed è diretto da Marcello Cangialosi.

Si è classificato al terzo posto al concorso regionale 2017 organizzato da ARCL e nel 2016 al concorso di cori giovanili a Nettuno. Ha inoltre partecipato al concerto di beneficenza organizzato presso il locale Billions a sostegno del reparto oncologico pediatrico del Policlinico Umberto I.

Daniele Gatti

Daniele Gatti, giovane autodidatta, dice che “la musica è uno dei tanti modi per donarsi agli altri”.

Gualtiero Montesi & Peter. Padre e figlio, autodidatti e autoprodotti, non si sono mai esibiti in competizioni.

La voce e le note. Il duo è composto da Federico Cacioni (cantante, organista, compositore attivo nell’animazione liturgica) e Rosita Stefani (soprano professionista).

Marco Iachini. Alle prese con la chitarra fin dall’età di 12 anni, si definisce cantastorie romano di formazione cantautoriale. Il suo motto è la frase di Italo Calvino “Prendete la vita con leggerezza. Che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”. Si è esibito in diversi locali della Capitale suonando cover e brani propri (due gli album incisi nel 2016 e nel 2018). Lo scorso maggio ha conquistato, insieme al Coro Itinerante di Corviale, il secondo posto, per la categoria “Inediti” alla seconda edizione del concorso, organizzato da Radiopiù, Cantate Inni con Arte.

Roberto Martucci. Collabora con Radio Kolbe in tour con il festival di musica cristiana “Il mondo canta Maria”. Dopo un percorso nel pop, all’età di 33 anni avviene la svolta della sua vita personale grazie a un pellegrinaggio Mariano. Decide di intraprendere un cammino spirituale di indirizzo francescano. Mantenendo lo stato laicale, all’interno della Fraternità
approfondisce la fede. Maturano così “nuove parole e nuove note ispirate non più solo dai sentimenti ma da Dio”. Ai suoi amici Roberto dice sempre: “Prima cantavo l’amore, ora canto all’Amore”.

Santina Bellia

Nel 2011 incide il suo primo cd di musica cristiana: “Soltanto Pace”. Nel 2016 esce “Ricomincio da Te”.

Santina Bellia. Cantante e chitarrista, svolge il servizio di animazione presso la parrocchia di San Giovanni Battista de La Salle.

Ha inciso, sempre su musiche di Federico Cacioni (autore del testo e della musica di Dolce mio Aylan) l’album “Tu ama” con il ruolo di voce solista.

Villaggio per la Terra

Il Festival, come già anticipato nei mesi scorsi, si svolgerà all’interno della cornice del Villaggio per la Terra, format ideato da Earth Day Italia e realizzato in

VILLAGGIO PER LA TERRA
Villa Borghese
Roma 21 aprile 2018
© Andrea Veroni

collaborazione con il Movimento dei Focolari di Roma, Agenzie delle Nazioni Unite, il MIUR e il Ministero dell’Ambiente, per la promozione di una sensibilità civile e ambientale nel contesto delle celebrazioni nazionali dell’Earth Day, la Giornata della Terra (che si celebra ogni anno, un mese dopo l’equinozio di primavera, il 22 aprile).

Dopo l’edizione record del 2018, con 150.000 presenze, il Villaggio per la Terra torna nel 2019, al Pincio e al Galoppatoio di Villa Borghese, con altre 5 straordinarie giornate (dal 25 al 29 aprile) ricche di sport (in programma anche la Giornata diocesana del gioco e dello Sport), concerti, spettacoli, attività didattiche e approfondimenti, per grandi e piccoli, sui temi della sostenibilità e dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here